Anche la pubblicità diventa accessibile, si ora è il turno di CSS3, il nuovo nemico che intacca il dominio di Adobe Flash nella creazione di campagne pubblicitarie tramite banner.

Davvero molto interessante l’esperimento realizzato dai ragazzi di Sencha, che hanno riprodotto fedelmente un paio di banner animati in tecnologia Flash tramite l’uso del nuovo CSS3.

Possiamo vedere una demo, usando Chrome per una corretta visualizzazione, e capire subito le potenzialità in velocità e accessibilità.

Si nota subito ad occhio che la velocità di esecuzione è leggermente più performante, rispetto a quella di Adobe Flash.

Per quanto riguarda l’animazione, è al 99% fedele all’originale, invece lato tecnico per banner dinamici che dovranno ricevere e inviare variabili la vedo forse un pò difficile, ma non impossibile.

Per la creazione di animazioni banner statici, quando i CSS3 diventeranno raccomandati dal W3C, potrebbe essere interessante vedere gli sviluppi che si alimenteranno dietro questa nuova forma, forse più accessibile, di advertising.

Potrebbe interessare l’accessibilità e possibile indicizzazione di una campagna marketing tramite banner?

Cosa ne pensate voi?

via [Edit]

Author

Sono un Creative Strategist con più di 10 anni di esperienza in strategie digitali. Il mio ruolo di Stratega consiste nell’ideare e sviluppare concept creativi per progetti multicanale, individuando le attivazioni e dinamiche di Marketing da applicare attraverso un approccio strategico.

15 Commenti

  1. Ciao Julius, bellissimo articolo innanzitutto!

    Volevo chiederti una cosa, sarebbe possibile realizzare una cosa del genere (magari un pò più semplicistica) con gli attuali CSS2?

    PS: si sa una data generica per l’avvento dei CSS3 o è ancora tutto da decidere?

    Grazie mille e keep up con il buon lavoro! ^^

  2. cristiano

    beh, l’uso dei fogli di stile permetterebbe una maggiore compatibilità e flessibilità fra piattaforme.
    il mercato mobile in primis (apple docet).
    ma della documentazione aggiornata solo sul sito del w3c?

  3. @Stefano Sirianni: con i CSS2 non penso, mancherebbe l’animazione e alcuni altri dettagli..

    Per quanto riguarda la raccomandazione vera e propria e quindi compatibilità al 100% con tutti i browser è ancora difficile stabilire una data…

    @cristiano: sul W3C trovi info valide aggiornate

    Poi in rete su blog e altri siti specializzati puoi trovare esperimenti e tecniche.

  4. interessante questo articolo grazie!

    in effetti come dice cristiano ci potrebbero essere grandi sviluppi lato mobile…

  5. Molto interessanti gli esempi, vedremo se ci sarà futuro anche per l’advertising css3

  6. forse sarebbe ora a iniziare un pò a giocarci con questo css3 non si sa mai!

    sempre sul pezzo! grande JD!

  7. non so quali saranno i risvolti, ma certo che per Adobe Flash sarà dura. Piano piano stanno nascendo sempre più nuove tecnologie/linguaggi concorrenti…

  8. Quando si ha la possibilità di avere lo stesso fine utilizzando flash o css3 preferisco di gran lunga il css3 anche se a primo impatto chi di dovere troverà più complessa la realizzazione

  9. Francesco

    Tutti che attaccano Flash, io la vedo ancora difficile intaccare il predominio… con i video HTML5 sicuramente c’è la farà anche in ambito mobile, ma per il resto non credo…

  10. Se non usi webkit non vedi le animazioni. Spiegalo tu al cliente.
    Lo stesso cliente a cui hai fatto un mazzo così per convincerlo a non usare IE ma Firefox.
    Su Firefox vedi solo l’animazione statica.

    No, ora internet funziona solo con Safari.

    Il css3 è in draft. Per ottenere quei banner bisogna usare prefissi css specifici per webkit. Non è diverso da quando si usavano per colorare le barre di scorrimento di internet explorer.

    Comunque, la cosa interessnate non è una questione “css3 vs. Flash” secondo me, ma ad statici o ad animati.

    Quando invece di pagine con chili di banner flash vedremo pagine con chili di banner html5/css/javascript il carico per il browser e per l’occhio dell’utente sarà identico.

    Ma clienti e inserzionisti vorranno sempre e comunque avere banner animati ed interattivi, ed animazione e interazione significano carico per la macchina e per l’attenzione di chi legge.
    La tecnologia che ci sta dietro è solo questione di ottimizzazioni.

    Quello che l’esempio insegna è che un ad statico – come lo vedi su firefox – può essere altrettanto utile ed informativo di uno animato.

    In altre parole, se in un sito c’è troppa pubblicità “urlante” ed invasiva l’utente si scoccia e il pc fonde. Indipendentemente dalla tecnologia, in realtà.
    Il vero problema è che i banner animati sono e rimarranno quelli che le aziende chiedono di più. Purtroppo.

  11. Alessandro

    Interessantissimo articolo.
    Ultimamente sto seguendo con attenzione gli sviluppi dei nuovi linguaggi per capirne le potenzialità e le possibilità di sviluppo futuro.
    Esempi validi li troviamo quì http://www.zurb.com/playground/

    http://www.chromeexperiments.com/ è un altro esempio dei possibili sviluppi….

    La sostituzione con flash la vedo dura, è altresì vero che se ci si mette pure google mi sa che i tempi si dimezzeranno…

  12. Ottimo articolo,il problema di sempre è che purtroppo Internet Explorer non le visualizza e non supporta tutte le proprietà dei CSS3.
    Vedremo in futuro.

Commenti