Con questo articolo vorrei cercare di definire cosa è Virale, quali caratteristiche deve avere un evento, progetto per diventare virale?

Perchè questo uomo è vestito di verde? Chi è la donna alle sue spalle? A chi sta telefonando e Perchè? Andiamo per ordine…

Quali caratteristiche deve avere un’efficace campagna di viral marketing?

Virale nella nostra mentalità di tutti i giorni, è un qualcosa, di solito malattie, epidemie che si moltiplicano da persona a persona senza fine.

Sul web il termine Virale associato al Marketing può aprire nuovi tipologie di comunicazione.

Il Marketing Virale è una strategia di comunicazione, che permette di diffondere in maniera semplice e immediata un qualcosa di unico e orginale.

Virale è chiedere su Twitter cosa è virale? Virale è scrive un articolo su Cosa è Virale?

Questo lo vedremo dai retweet e dalle condivisioni su Facebook, ma una cosa che abbiamo individuato con queste poche righe è che se ne parli.

Queste secondo la mia modesta esperienza sono gli aspetti fondamentali per una campagna virale efficace sul web.

Emozioni Comuni

Per rendere virale qualcosa sul web dobbiamo in qualche modo usare emozioni comuni del nostro target finale.

L’emozione che possiamo trasmettere può essere positiva o negativa, non importa basta che possa influenzare la massa.

Il dover cambiare la propria immagine su Facebook e inserire un fumetto della nostra infanzia è un’emozione positiva, anche vista la causa, che accomuna ogni singola persona a un determinato ricordo.

In questo caso l’azione è stata virale, e compiuta da una mole di persone non indifferente grazie al media (Facebook) di fruizione.

Spesso il Marketing Virale viene usato anche per la diffusione di campagne pubblicitarie, rendendo virus il messaggio da comunicare tramite immagini e slogan.

Queste emozioni comuni ci permettono di identificarci nella causa della comunicazione e diffondere il messaggio in automatico.

Tempistiche e Personaggi/Brand

C’è una massima che dice “Fai la cosa giusta al momento giusto“, e che ci fa riflettere nel come, compiere azioni giuste nel Marketing Virale al momento giusto può determinare il successo.

Un esempio stupido potrebbe essere il seguente: Se oggi gioco la combinazione vincente di ieri, è improbabile se non quasi impossibile che io vinca, ma se gioco la combinazione vincente oggi dell’estrazione di oggi è certo che vincerò.

Parlando di tempistiche e azioni corrette al momento giusto, mi viene in mente il caso di Silvio Berlusconi.

Spopola da un paio di settimane questa parodia del film Inception, nel quale viene presentato un finto trailer con protagonista Silvio Berlusconi.

L’argomento trattato è la sua dimissione dal parlamento italiano, notizia dei giorni nostri (Tempistiche Corrette).

Ovviamente questo video non sarebbe stato virale se si parlava delle dimissioni di Fini, quindi anche il personaggio o brand è corretto.

Anche io ho avuto una piccola esperienza extraconiugale virale con Silvio, e  da questi due casi possiamo notare come le tempistiche e il personaggio hanno influito in maniera determinate sul consolidare il virale.

In questo caso era la diffusione di una finta pagina di Google presentando un nuovo Doodle raffigurante Silvio (L’azione compiuta) nel giorno del suo compleanno (Tempistiche Corrette).

Ovviamente anche in questo caso se il tutto fosse stato diffuso la settimana dopo non sarebbe stato virale.

Quindi possiamo dire con certezza che per consolidare una campagna virale dobbiamo compiere delle azioni corrette nel momento corretto.

Curiosità e Sorpresa

Questi due aspetti possono giocare un ruolo fondamentale in una campagna virale, l’uno non elimina l’altro, anzi permette di potenziare il virale.

Inserire curiosità e sorpresa permette di influenzare maggiormente il target e di invogliare a condividivere e diffondere il virus digitale.

Un caso in cui possiamo trovare curiosità e sorpresa può essere la campagna virale di Tipp-Ex, noto brand di bianchetti che ha commissionato un video virale interattivo.

In questa campagna possiamo notare come la curiosità nel provare tutte le combinazioni con l’orso e il cacciatore, e la sorpresa delle stesse abbiamo creato un virale senza precedenti.

Condivisione

La condivisione è un’aspetto fondamentale per rendere la campagna virale davvero virale, questo permette alla campagna virale di essere diffusa in maniera immediata.

Più la condivisione è semplice e intuitiva, più sarà esponenziale la sua diffusione.

I social media nei giorni nostri la fanno da padrone per la condivisione di campagne virali, infatti riescono a diffondere il virus mediatico in maniera immediata quanto la loro semplicità di utilizzo.

Quindi possiamo capire quanto sia importante associare la nostra campagna virale ai social media, non per forza direttamente, ma dobbiamo essere sicuri di poter far fruire il virale anche indirettamente dai social media.

Conclusione

Creare un Virale sul web o nella realtà non è per nulla semplice, bisogna saper analizzare le tempistiche corrette e le azioni da compiere.

Coinvolgere con emozioni, curiosità e sorpresa le persone, facendole addirittura entrare nel virale permette di consolidare la sua diffusione.

Su questo argomento ti voglio segnalare un ottimo libro, Create! scritto da Mirko Pallera di cui ho avuto modo di leggerlo e condividere una mia personale recensione.

Author

Sono un Creative Strategist con più di 10 anni di esperienza in strategie digitali. Il mio ruolo di Stratega consiste nell’ideare e sviluppare concept creativi per progetti multicanale, individuando le attivazioni e dinamiche di Marketing da applicare attraverso un approccio strategico.

10 Commenti

  1. Gran bell’articolo julius! Molto interessanti le tue case history! Complimenti

  2. La tua riflessione non da una piega! Secondo me virale è qualcosa di semplice che si trasforma il virus digitale

  3. Cristina

    ottima analisi di web non me ne intendo, sto facendo un corso di marketing e ti assicuro che quello che hai scritto è molto interessante grazie :-)

  4. Buon articolo, davvero. Esempi concreti e semplici. Interessante anche per chi si occupa di sola grafica.Utile. Un buon punto di partenza e di spunti. Grazie

  5. Dietro un progetto di viral marketing c’è un lavoro bello tosto!
    io ho in mente un progettino alquanto bizzarro per il mio Blog…starete a vedere!

Commenti