Oggi voglio farvi vedere uno spot Francese, che vuol far riflettere sull’uso di impianti di Energia Nucleare

Lo spot a mio parere è davvero qualcosa di impressionante in termini di creatività e comunicazione

E voi che ne pensate?

Il video: Forum Nucléaire

Author

Sono un Creative Strategist con più di 10 anni di esperienza in strategie digitali. Il mio ruolo di Stratega consiste nell’ideare e sviluppare concept creativi per progetti multicanale, individuando le attivazioni e dinamiche di Marketing da applicare attraverso un approccio strategico.

11 Commenti

  1. beh, ma anche solo lasciando da parte il problema delle scorie ed inquinamento (problema comunque serio)
    Il fatto è che è quasi un investimento a perdere, la durata di un impianto è limitato, il rapporto investimento guadagno non è ottimale… a me puzza solo che qua lo stanno riproponendo solo per farci un po’ di guadagno con gli appalti e basta (cosa “mai” vista in italia)

  2. Qua più si va avanti e più si torna indietro… invece di sviluppare le fonti alternative, più rispettose per l’ambiente, si sceglie la strada più pericolosa e nociva nel lungo periodo.. non so quanto stia a cuore ai governanti di mezzo mondo il proprio pianeta! Bah.. cmq lo spot è molto bello.. come la maggior parte degli spot francesi… hanno sempre avuto una marcia in più nell’ADV.

    Danix

  3. È un argomento piuttosto complesso da esaurire in un commento: ad ogni modo, personalmente sono favorevole al nucleare, per tutta una serie di motivi. Anzitutto, la sua reintroduzione non impedisce lo sviluppo di energie cd. “pulite”: il problema è che queste ultime, utilissime per l’uso domestico (anzi, io promuoverei una riconversione totale dell’energia domestica al fotovoltaico, etc.), non possono sopperire alle necessità del comparto industriale. Le “leggende” sul nucleare, dal dramma degli anni ’80 in Bielorussia, sono tante e tali che i petrolieri hanno potuto continuare imperterriti il proprio [pragmaticamente inutile] dominio sul mondo. Perché quando si parla, male per giunta, del nucleare si omettono due cose: la prima è che alla cd. “fusione fredda” basterebbe soltanto il processo d’ingegnerizzazione (per il quale nessuno è disposto a investire, una cifra nettamente inferiore a quella spesa dalla sola Italia per la guerra in Iraq) e la seconda è che in Italia le centrali elettriche sono alimentate a idrocarburi e carbone fossile, che inquinano l’80% in più del nucleare. Certo, difficile che metà del parlamento – finanziato da un certo petroliere, Presidente di una nota squadra di calcio – possa parlare bene del nucleare, specie considerando che nella questione dei biocarburanti è stato “suicidato” Raul Gardini… ma è indubbio che un doppio binario industriale/nucleare (che necessita anche di un processo di decrescita, ma è un discorso a parte) + domestico/rinnovabile/pulito e a impatto zero sia la soluzione migliore. Con l’abolizione totale di idrocarburi (che alla faccia del nucleare hanno provocato disastri paragonabili a Hiroshima nelle sole ultime due settimane, tra l’Australia e il Pacifico aperto). Ma gli interessi economici sono a tutto vantaggio dell’acquisto di energia (nucleare, per giunta) dagli altri Paesi europei: se la questione fosse davvero etica come vogliono farci credere, che senso avrebbe acquistare energia atomica da Francia et similia!?

  4. IL_MORUZ

    Non sono un tecnico e quindi ogni mia parola può essere contestata e ritenuta assurda ma credo che nel sottosuolo ci sia tanta di quella energia a livello geotermico da farci andare avanti per milioni di anni!! Sarà costoso, impossibile raggiungere certe profondità ma sicuramente c’è tanto di quel calore da alimentare migliaia di centrali!!

  5. Credo che Julius volesse farci disquisire sulle tecniche grafiche applicate nel video e non di vedere quattro sbarbatelli come noi argomentare sul nucleare. ad maiora.

  6. oddio… e qui come ci sono capitato… stavo su facebook…
    leggendo i commenti prendo atto che si parla di cose serie, e allora farò uno sforzo anche io per non lasciare questo spazio privo di un mio commento, che può senza dubbio lasciare il tempo che trova.

    Sono a favore del nucleare, e sono molto timoroso di questo.

    Penso inoltre che il buco dell’ozono, che se non sbaglio (nel caso perdonatemi) è stato il principale motore del Protocollo di Kyoto (andate se potete a Kyoto, è una città bellissima, però ci sono troppi turisti chiassosi…) dicevo il buco nell’ozono non è certissimo dipenda dall’immissione nell’atmosfera della CO2, causata da tantissime forme di combustione (il nostro respiro, i motori a combustione, il carbone delle centrali termoelettriche…) perché dico questo? Perché si vuole abbandonare in questo modo l’utilizzo del carbone come combustibile. Probabilmente è anche giusto, ridurremmo l’immissione in aria di anidride carbonica, ma forse è anche più importante smettere l’estrazione dalle miniere fatta in modo sconsiderato e selvaggio: in Cina, non ho i dati alla mano, ma ogni 3 o 4 mesi ci sono morti su morti per frane e incendi in miniera.

    Noi, per come ci dicono i nostri amati governanti, per allinearci al Prot. di Kyoto, abbiamo bisogno del nucleare, e allora io dico avanti col nucleare! Ma non dimentico neanche che i nostri governanti ci dicono anche tante altre cose, nelle quali si evince il fatto che Cristo è morto di freddo. Per cui è abbastanza difficile farsi una opinione. Certo è che l’informazione che viene propinata alla folla (volevo dire massa, ma è veramente un termine abusato) è di demonizzazione del nucleare, ascoltavo infatti l’altrasera Zapping per radio (e badabene non lo sopporto il Dott. Forbice, che manipola anche lui col suo stile) che intervistavano l’ingegnere che durante Chernoibill (…) registrava quanta mole di falsa informazione veniva siringata nei neuroni dei nostri cervelli attreaverso i nostri occhi e le nostre orecchie a foglia larga, e l’ingegnere additava come responsabile la Lobby del petrolio (ma guarda un po’). A corollario, nello stesso momento in Francia i quotidiani che parlavano dell’evento nell’ex Russia, lo facevano con tono pacato e di cronaca, naturalmente non di secondo piano, ma del tutto diverso dal tono usato in Italia.

    Percui il problema non è l’utilizzo del nucleare, il problema è che non c’è stata fin’ora una coscienza nelle menti che dovrebbero dar prova di averla… scorie? siti di stoccaggio? controllo della quailtà? sicurezza? riduzione della fame nel mondo per abbattere il reclutamento di disperati che un bel giorno si farebbero esplodere accanto al reattore nucleare?

    Che diamine, poi insieme al nucleare dovrebbe essere sviluppato il programma per la produzione e la diffusione degli impianti per l’energia rinnovabile a basso impatto ambientale, poi la sicurezza negli stadi, la lotta alla mafia, la certezza della pena, la riconversione delle carceri non come luogo di pena e tortura, ma come sì luogo di pena per un possibile reinserimento e rieducazione civile…

    Ma questo è il macrocosmo, bisogna sempre ricordarci comunque di fare la nostra piccolissima parte quotidiana, poi vedi che anche la nosra piccola goccia insieme alle altre piccole gocce, qualcosa cambia.

    …scusate le divagazioni: sono con tutti i miei dubbi a favore del nucleare.

  7. Si molto bello il video bla bla…
    Ma… Ragazzi non SCHERZIAMO !!! Siamo giovani e dobbiamo essere ben informati.
    Qui si parla di un argomento attuale e di rischi serissimi per il nostro futuro e quello dei nostri figli.
    Questo è un argomento che tocca le coscienze e disquisire sul video mi pare ben poca cosa…
    Non so il francese ma più o meno ho potuto capirlo e secondo tutte le cose che ho letto
    e studiato posso affermare con certezza che chi parla di nucleare non sa cosa dice e non
    è benchè minimamente informato sull’argomento. Pensa che una centrale sia una bella fabbrichetta
    fantastica dove sgorga come per magia tantissima energia pulita e a basso costo…
    Ebbene non è così ! Questa non è sede per certi discorsi, quindi invito quelle povere sventurate e poco informate persone pro nucleare ad informarsi informarsi informarsi informarsi prima di prendere una qualsiasi posizione in tal senso.
    Il nostra vita non può essere affidata a delle persone vecchie decrepite, a dei comitati di interessi senza idee che ci ruba soltanto il nostro futuro.
    Riprendiamocelo il nostro futuro, un futuro pulito senza nucleare partendo soprattutto dall’informazione che poche persone adesso come adesso posseggono.
    Potete farcela ciao.

  8. No.

    Proprio No

    Io in Italia non voglio centrali nucleari

    e se potessi avere voce in capitolo anche a livello mondiale non vorrei che ci fossero centrali di questo genere.

    I TANTI soldi che spenderebbero per mettere su una centrale utilizziamoli per lo studio di nuove tecnologie e nuovi metodi per procurarci energie più pulite.

    Io sono d’accordo con NUKE ragazzi salviamo il nostro mondo per noi e per i nostri figli!!!

Commenti