Mi capita spesso di creare presentazioni per eventi di formazione o per presentare dei progetti di comunicazione in cui illustrare idea e strategia.

Essendo freelance ho anche avuto modo di avere sotto mano presentazioni di molte agenzie, e devo dire che “ho visto cose che voi umani non potete immaginare”.

Spesso le tempistiche serrate e la poca creatività applicata comportano la nascita di presentazioni fredde e prive d’emozione.

Vediamo insieme le sezioni di una presentazione efficace, che non dovrebbe mai mancare, per condividere un evento di formazione o progetti di comunicazione.

1. La Cover iniziale

La slide iniziale è il primo contenuto che un potenziale cliente vedrà o un lettore visualizzerà, quindi deve avere tutte le informazioni principali e catturare l’attenzione anche con una estetica grafica originale. Il minimal a volte premia, ma non abusiamo troppo di questa scusa per creare slide bianche con solo testo.

Cerchiamo di dare molta importanza al titolo principale anche creando contrasto con i colori e con lo sfondo. Utilizziamo immagini ad alta qualità, se necessario investiamo del budget anche per avere delle fotografie originali, ma senza scadere nelle solite e noiose immagini.

2. Il Layout

Soprattutto per le presentazioni che hanno lo scopo di condividere la storia e metodo d’agenzia, dobbiamo cercare di mostrare subito chi siamo, con un logo ed elementi grafici con colori primari del nostro brand.

Non abusiamo di elementi grafici, ma decidi gli asset principali da riportare in ogni slide. Ricorda di creare un template globale della tua presentazione per rendere automatiche le eventuali modifiche grafiche su ogni singola slide.

Quando invece è una presentazione per un nostro cliente, può essere utile creare un format grafico con colori primari della azienda, in modo tale da far immedesimare subito il cliente con elementi e colori cromatici appartenenti nel loro DNA. Questo li renderà meno confusi e più a loro agio.

Una volta creato e scelto il layout manteniamo stile dei colori, font ed elementi grafici in tutte le slide e non solo in alcune, si ho visto anche questo.

3. Il Font e Icone

L’utilizzo di tipologie diverse di font a seconda del paragrafo, titolo primario e secondario è importante per dare pesi di importanza diversi e rendere più accattivante la lettura.

Spesso per pigrizia o per falsi miti (“…ma se non uso ARIAL poi il cliente non legge la presentazione“) si tende ad utilizzare sempre lo stesso font, anche con pesi diversi a livello di dimensioni, questo è sbagliato in quanto diventa un documento e non una presentazione. Nella presentazione possiamo incorporare anche i font utilizzati.

La scelta del font può iniziare partendo dalla tipologia di cliente, territorio presidiato o settore. A seconda di queste informazioni possiamo capire se osare di più o scegliere una tipologia più elegante o meno.

Le icone possono aiutare davvero molto per aggiungere piccoli dettagli informativi per capire immediatamente di cosa parliamo. Possono essere utilizzate nei capitoli oppure anche all’interno delle singole slide per evidenziare porzioni di testo.

4. I Capitoli

Le presentazioni spesso sono molto corpose, e per rendere la lettura fluida può essere utile alternare il flusso di informazioni con delle slide che facciano capire di cosa parleremo.

Come fosse un bel libro, inseriamo le slide di capitolo, per creare una pausa del flusso informativo e continuare la lettura seguendo il filo logico.

In questo caso ci basterà inserire il titolo del capito, elementi grafici e colori che possano ricordare il capitolo anche nelle slide successive.

Possiamo aiutarci con immagini per spezzare la slide e renderla più accattivante, oppure semplicemente con elementi grafici e icone.

5. La Cover Finale

Si la “cover finale”. Molto probabilmente abbiamo appena mostrato un centinaio di slide al nostro cliente, un grazie pensate se lo possa meritare?

Una buona norma infatti è quella di inserire un testo di ringraziamento per l’attenzione e ricordare i riferimenti e coordinate dell’agenzia o del referente.

Mi sembra una buona abitudine e anche interessante da personalizzare in base al cliente in modo da concludere con un saluto originale.

Conclusione

Le nostre presentazioni oltre a dover comunicare da sole, spesso riflettono la nostra identità e reputazione. Cerchiamo sempre di mantenere un certo livello, per non perdere l’attenzione o un eventuale progetto, solo per mancanza di originalità e completezza di informazioni.

Ti invito anche a leggere questo mio articolo riguardo i contenuti che dovrebbe avere una presentazione efficace e di fare un salto sul mio account SlideShare.

Author

Strategy Director @AQuest ~ Docente Master @NinjAcademy

4 Commenti

  1. Alberto

    Interessante articolo ed ispirante. Grazie.
    Sarebbe bello poter esportare il font in Power Point per MAC.

Commenti