Uno dei fattori più importanti quando si realizza un sito internet ed in particolare le/la sezione form registrazione è la sua ottimizzazione, per evitare che gli utenti abbandonino il sito internet.

Questo è di vitale importanza in tutti i siti internet ma in particolare per i siti e-commerce (si rischia che l’utente abbandoni il carrello).

Sinceramente come utente fruitore della rete, il processo di registrazione dei siti web non è mai una cosa divertente, ma oggi il processo di registrazione nei form fa parte, del business online, e quasi tutti i visitatori sono invitati, quando visitano un sito internet, a registrarsi per visionare contenuti riservati o semplicemente a compilare un form contatti.

Perché ho deciso di trattare questo argomento?

Alcuni giorni fa mi trovavo a leggere una ricerca online condotta da Forrester Research la quale riporta, che l’11% degli adulti statunitensi hanno abbandonato un acquisto on-line, perché non volevano effettuare la registrazione online o il sito stava chiedendo troppe informazioni; questa ricerca può benissimo valere anche per gli utenti italiani.

Sapete cosa significa questo?

Semplice se il vostro sito e-commerce ha un entrata annuale di € 50.000, ben € 5.500 sono persi per strada semplicemente a causa della complessità trovata dagli utenti nel processo di registrazione online o checkout.

Se la registrazione on-line è qualcosa che la vostra azienda non può fare assolutamente a meno, è indispensabile seguire questi 10 consigli al fine di rendere il processo meno fastidioso possibile per i visitatori del sito.

1. Creare valore aggiunto intorno alla registrazione

Spiega le ragioni per cui un tuo visitatore dovrebbe registrarsi sul tuo sito internet e quali sono i vantaggi nel fare ciò.

Prendi spunto da Baistrocchiricambi.com, come vedi accanto al form di registrazione, sulla parte destra rapidamente sono riportati i vantaggi ed il valore al seguito della registrazione.

2. Eliminare i campi superflui

Inserisci nel form di registrazione solo i campi indispensabili, mentre contrassegna come campi non obbligatori quelli non rilevanti ai fini della registrazione.

In questo modo riuscirai a smaltire in modo efficace le richieste, e non far abbandonare la pagina a prima vista.

3. Raggruppare i campi di registrazione in modo logico

Le persone sono abituati a fornire i propri dati personali rispettando un ordine logico che in genere è qualcosa come: nome, cognome, indirizzo e-mail, numero di telefono, dati per la fatturazione, indirizzo di spedizione e dati sulla carta di credito.

Un form registrazione che non rispetta un ordine logico potrebbe portare i vostri visitatori ad abbandonare il sito internet.

4. Suddividere lunghe procedure di registrazione in più fasi

In particolare per i siti e-commerce, il processo di registrazione è combinato con il processo di checkout, questo significa che l’utente dovrà impiegare più tempo per registrarsi.

Quello che vi consiglio è di suddividere il processo in fasi chiaramente etichettati, qui un esempio:

Si noti come le fasi sono ben evidenziate, e rimangono nella parte superiore dello schermo in ogni momento. Gli utenti sanno da subito quali sono le fasi per completare la loro registrazione.

Non meno importanza ha il coloratissimo pulsante “AVANTI” che muove rapidamente l’utente alla fase successiva del processo di registrazione.

5. Rendere i requisiti delle password sicure, ma non ridicoli

La sicurezza è importante, ma quando un nuovo utente è costretto ad inserire nel campo password un numero di caratteri specifico, utilizzare almeno un numero, una lettera maiuscola, o un carattere speciale, tutte queste richieste sono troppe e possono innervosire i vostri provabili clienti.

Prendete spunto da Google che indica la “forza della password”, sarà il visitatore a decidere se migliorarla o lasciare cosi com’è.

Inoltre, se chiedi all’utente di confermare la password digitandola di nuovo, non attendere che l’intero modulo venga compilato per assicurare che è stata digitata correttamente entrambe le volte, fai sapere subito nel caso in cui si commette un errore di digitazione e le due password non corrispondano.

6. Effettuare il recupero della password

Se provi a registrarti nuovamente su un sito internet e inserisci un email già registrata, sai che è quasi impossibile passare al passo successivo.

Uno studio di Janrain rivela che il 45% degli utenti abbandona un sito web dopo aver dimenticare la password, le informazioni di log-in, o quando l’opzione di reimpostazione della password non è chiara e semplice.

Rendi questo processo semplice e gli utenti/visitatori non abbandoneranno il tuo sito internet.

7. Dare la possibilità di aggiornare Captcha

Il modulo Captcha viene utilizzato per evitare che lo spam riempia il nostro database, ma spesso mi è capitato di trovarmi d’avanti codici antispam impossibili da decifrare.

Ecco perché quando si utilizza questo sistema è fondamentale dare la possibilità di aggiornare il codice antispam cliccando su un’icona come nell’immagine seguente:

8. Identificare e spiegare gli errori nei campi

Gli utenti durante la fase di registrazione potranno commettere errori.

Se un campo non viene completato correttamente, quando l’utente clicca sul pulsante “continua”, non basta dire che è impossibile continuare la registrazione perchè il modulo contiene un errore ma è indispensabile indicare sempre in quale campo si è verificato l’errore, e spiegare il modo corretto con cui riempire il campo.

Evidenziatolo con colori vivaci (solitamente il rosso) in modo che si distingue facilmente e non vi è la necessità di rileggere tutti i campi del modulo per capire in quali/e si è commesso l’errore.

9. Integrare l’autenticazione tramite Social Media

E’ chiamato social sign-in, noto anche come autenticazione sociale, permette ai visitatori di accedere al tuo sito utilizzando un social network come Facebook o Twitter o anche Google.

Questo permetterà ai visitatori di registrarsi nel tuo sito molto velocemente.

10. Ma è proprio indispensabile la registrazione?

Sappiamo che oggi si va sempre di fretta e spesso quando vogliamo fare un acquisto online (magari di poco valore) non vogliamo perdere neanche qualche secondo in più sul sito internet che stiamo visitando, per registrarci.

Allora perchè non pensare di rendere la registrazione sul sito web facoltativa?

Sarebbe più conveniente ottenere la registrazione, per verificare la cronologia degli ordini, avere informazioni di spedizione, o le informazioni dell’account.

L’utente è di fretta o non ha intenzione di essere un cliente nel tempo, quindi in definitiva, non preferireste vedere una transazione completata piuttosto che avere necessariamente un utente registrato?

Solitamente quando un cliente ci chiede di realizzare un sito internet e-commerce il nostro CMS dà tutte queste possibilità quindi un consiglio: non sottovalutare questo processo, chiedere sempre che abbia tutte queste funzionalità.

Se si apportano miglioramenti al processo di registrazione, assicurarsi di farlo scientificamente senza sottovalutare nulla.

Una volta effettuate le modifiche utilizza strumenti come Google analytic per verificare se vi sono abbandoni del form di registrazione o se il tasso di conversione (ROI) del sito è peggiorato.

Quali altri trucchi utilizzate voi?

Author

Direttore di C3 Comunicazione a 360° Agenzia Web specializzata in: Visibilità nei motori di ricerca e Realizzazione siti internet.

6 Commenti

  1. Ho visto cose che voi umani non potete immaginire, form pieni di input e combo box come torture cinesi..

  2. Ottimo articolo grazie!

    Interessante questa iniziativa dei Contributor!!!

  3. Ciao Julius,
    bello il tuo articolo, ho visto molti plugin per la registrazione avanzata degli utenti… io ho la necessità di avere 2 differenti form con campi perosììsonalizzati, ed in base a questi gli utenti si registrano con ruoli diversi, uno con la possibiltà di accedere subito al sito l’altro dopo l’approvazione di un amministratore.

    Conosci qualche plugin che mi aiuti in questo?
    ciao e bravo come sempre!

Commenti