Continua la rubrica Fisco&Contabilità, seguita da Fabio Micera, commercialista professionista, con il quale cercheremo di eliminare i dubbi sulle tematiche burocratiche, che ogni Freelancer può incontrare durate la propria carriera.

Molti di voi mi hanno chiesto chiarimenti circa i regimi fiscali da adottare e le relative tasse da pagare nel corso della propria carriera sul web.

In questo articolo vorrei parlare di un altro aspetto fondamentale, ossia i contributi previdenziali dovuti all’INPS.

Chi o Cosa è l’INPS?

L’INPS è l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, l’ente che raccoglie i contributi previdenziali dei lavoratori e si occupa di erogare le pensioni.

Ti parlo dell’INPS perché i web designer e le altre attività legate al web non hanno una propria cassa previdenziale, ossia un ente analogo all’INPS che svolga le stesse funzioni, come può essere la Cassa dei Dottori Commercialisti nel mio caso.

Nell’articolo in cui ho parlato delle prestazioni di lavoro occasionale, ti avevo già accennato dell’esistenza della cosidetta ‘Gestione Separata‘ dell’INPS, a cui si devono iscrivere obbligatoriamente coloro che superano i requisiti reddituali (5mila euro) per le prestazioni di lavoro occasionale.

La Gestione Separata ‘accoglie’ però anche coloro che svolgono in maniera professionale il loro lavoro (non sporadica ed occasionale) ma che, come detto prima, non hanno una loro Cassa previdenziale.

La Gestione Separata INPS

Che requisiti devi avere per poterti iscrivere alla Gestione Separata?

Vediamo cosa ci dice l’INPS:

1° Requisito

Il tuo lavoro deve avere contenuto artistico o professionale;

2° Requisito

Devi svolgere la tua attività in autonomia, senza nessun vincolo di subordinazione (decidi tu i tempi, i modi ed i mezzi che ti sono necessari per portare a termine il lavoro);

3° Requisito

Abitualità e professionalità del lavoro: deve essere la tua attività abituale, cioé quella che svolgi normalmente nei confronti di più clienti;

4° Requisito

Natura non di impresa: l’attività lavorativa si indentifica con te, con la tua persona.

Se invece l’attività fosse caratterizzata prevalentemente dall’organizzazione di mezzi e risorse (beni, servizi e persone) avremo un’attività di impresa e non un lavoratore autonomo.

Ma se sono un Lavoratore Autonomo?

Se sono un lavoratore autonomo come e quanto dovrò pagare nello specifico?

Il calcolo dei contributi da versare all’INPS deve essere fatto in base al tuo reddito da lavoro autonomo: Compensi percepiti dai tuoi clienti – Spese legate alla tua attività professionale = Imponibile previdenziale.

Su questa cifra potrai applicare due aliquote:

1. Aliquota pari al 27,72% se non sei iscritto ad altre forme di previdenza obbligatoria (o sei titolare di pensione, ma non penso sia il tuo caso :) );

2. Aliquota pari al 18% negli altri casi (ad esempio se sei lavoratore dipendente dovresti essere già iscritto all’Inps come lavoratore subordinato, quindi per il tuo lavoro autonomo indichi questa aliquota).

Facciamo un Esempio Pratico!

Mettiamo il caso tu abbia iniziato la tua attività di web designer quest’anno: l’anno prossimo tu (o il commercialista) dovendo preparare la dichiarazione dei redditi in base a quanto fatto nel 2012, calcoli la differenza tra compensi e spese dell’attività.

Non sei iscritto a nessun’altro ente di previdenza, quindi calcoli il 27,72% sul risultato ottenuto (mettiamo 1000 euro, giusto per capirci).

Devi versare 277,20 euro. Le scadenze di pagamento sono tre: la prima il 16 giugno (si chiama primo acconto) ed è pari al 40% di 277,20 euro, quindi corrisponde a 110,88 euro.

La seconda scadenza (il secondo acconto) è il 30 novembre ed è di pari importo, quindi pagherai un altro 40%, 110,88 euro.

L’ultima scadenza (detto saldo, che corrisponde al rimanente 20% dei 277,20 euro) è il 16 giugno dell’anno successivo (in pratica si sommerà al primo acconto che pagherai entro il 16 giugno 2014).

Quel 4% che metto nella mia fattura a cosa serve?

I contributi previdenziali come lavoratore autonomo iscritto alla Gestione Separata sono completamente a tuo carico, a differenza del caso delle prestazioni occasionali in cui invece due terzi li pagava il cliente e solo un terzo erano a tuo carico.

La legge prevede però la possibilità di addebitare parte dei contributi ai propri clienti aggiungendo un 4% ai compensi richiesti, percentuale che costituisce la rivalsa INPS.

Ricordo che questa è una facoltà e non un obbligo, per la qual cosa la normativa ha chiarito che tale 4% per gli iscritti alla Gestione Separata costituisce un vero e proprio ricavo.

In parole povere, se per un sito chiedi 100 euro più rivalsa del 4%, devi considerare che i tuoi ricavi totali saranno pari a 104 euro.

La prossima volta vedremo invece cosa prevede la cosiddetta ‘Gestione ordinaria‘ dell’INPS.

Hai Altre Domande?

Se hai domande sull’argomento non esitare a lasciare un tuo commento a questo articolo.

I tuoi feedback saranno prezioni per creare articoli di qualità e che vadano a coprire effettivamente dubbi e perplessità.

Inoltre se vuoi sapere altre cose sul mondo Fisco&Contabilità lascia un feedback e cercheremo di parlarne insieme a Fabio Miceria in questa rubrica.

Author

Giovane dottore commercialista, gestisce personalmente il suo blog StudioMicera. La sua mission è quella di aiutare coloro che vogliono intraprendere nuove attività imprenditoriali con entusiasmo e passione, la stessa che dedica al suo lavoro.

60 Commenti

  1. antonio

    Salve, non riesco a trovare in rete informazioni in merito al mio dubbio. Ho appena aperto p.iva come fotografo libero professionista, mi occupo principalmente di matrimoni, e vorrei fatturare assieme al servizio fotografico il fotolibro che impagino e mando a stampare presso un laboratorio (che emette regolare fattura). Pensavo di fatturare come “servizio+album”. In generale il mio commercialista dice che non potrei vendere neanche stampe delle mie foto, se non sporadicamente facendole risultare campionario. E’ vero? Non potrei quindi giustificare fatture di acquisto di stampe/album?
    Grazie

  2. liliana

    Buongiorno ho una domanda ho la partita iva ai minimi aperta il 2014 Devo pagare Inps il 2015 pero Non riesco a capire Perche Devo pagare l’anticipo inps per 2015 se io Non so che ricavo avro questo’anno grazie e urgente se mi potete rispondere

  3. Alberta

    Buongiorno scrivo per avere dei chiarimenti. Sono una designer e dovrei cominciare dei lavori con un’azienda. Avevo pensato a delle ritenute d’acconto ma se non erro non dovrebbero essere superiori ai 30 gg e con lo stesso cliente.Mi sbaglio? In alternativa all’apertura di una partita iva ci sono altre soluzioni legali? Grazie in anticipo

  4. Gianluca

    Salve, sono un podologo e purtroppo la nostra professione è un pó inrida non anbiamo l’albo professionale e paghiamo una gestione separata inps, volevo sapere, possibile che in tre anni il mio commercialista a parte il suo avere non ho ancora pagato niente!! Grazie

  5. GIUSEPPE

    salve, sono iscritto all’inps da diversi anni come commerciante(TITOLARE DI UN PUB) e da pochi mesi ho aggiunto un attività secondaria ALLA MIA LICENZA ,nello specifico – NOLO ATTREZZATURE AUDIO VIDEO PER LO SPETTACOLO- chiedo se sono soggetto a pagare l’ex enpals per avere il CERTIFICATO DI AGIBILITA’?

  6. Salve vorrei togliermi un dubbio.io sono un consulente odontotecnico non iscritto agli alrtigiani ma alla gestione separata.vorrei chiedere ma quando compili una fattura il mio commercialista mi ha “vietato” la parola realizzazione ma progettazione.e ho un po’ di difficoltà con i miei clienti.chiarimenti plaese…e poi se,passo in qualsiasi momento dalla gestione separata e quindi da consulente ad artigiano e quindi aprire una ditta individuale., si contituera a pagare l INPS sempre con le famose rate onerose trimestrali o da quanto ho sentito,si pagherebbero in base al fatturato?grazie mille

  7. gianuario

    Sono un amministratore di una s.r.l ma non ho mai percepito nessun compenso ora l’inps mi ha chiesto i contributi cosa posso fare

  8. Gentilre Dottor: Fabio Micera Si desideriamo per gentilezza essere informati su novita’ riguardanti Notizie INPS generali ,Nuove e quelle importanti Grazie !!

Commenti