Per la realizzazione e studio di progetti complessi è necessario saper cercare, creare e gestire un Team di Collaboratori Freelancer con l’obiettivo di creare un team efficace e producente.

Durante la mia esperienza di Freelancer sono riuscito a instaurare rapporti con professionisti del settore, che mi permettono di gestire e coordinare anche progetti complessi

La difficoltà maggiore è trovare le persone giuste e sapere organizzare da Team Leader le diverse azioni da far compiere a ogni persona.

Andiamo a vedere insieme alcune strategie per creare un team di freelancer e gestirli come Team Ledaer senza esagerare.

Perchè creare un Team di Freelancer?

Formare un team di Freelancer ti permette di aumentare la tua esperienza mettendoti in gioco e confrontarti con le creatività delle altre persone.

Dobbiamo mettere in conto che da soli abbiamo meno probabilità di migliorarci, mentre l’aiuto di un gruppo dinamico consolidato ed efficace può metterci in condizione di lavorare a progetti complessi e articolati.

Avere a disposizione delle persone efficienti e creare un vero e proprio A-Team, ci permetterà di aumentare la mole di lavoro coprendo diverse operazioni da fare.

La concorrenza e la gelosia dove la mettiamo?

Una delle frasi che mi sento spesso dire anche durante i miei Workshop, è proprio questa: “Ma tu sei pazzo a condividere tutte queste strategie a tuoi potenziali concorrenti“.

Da una parte può essere pazzia, ma dall’altra cerco di condividere alcune nozioni base con le quali tu da mio potenziale concorrente potrai diventare un mio potenziale collaboratore.

In un Team è probabile che possa nascere concorrenza o gelosia, questa la si può monitorare e gestire rendendo responsabili di determinate aree le persone all’interno del gruppo.

Comunicare in modo chiaro

Una delle cose molto sottovalutate e la chiarezza delle informazioni dal Team Leader al gruppo durante il briefing o incontro con il cliente.

Se abbiamo un Team da informare dovremo essere chiari e sicuri delle attività da far compiere a ciascun di loro.

Per gestire un team ci sono diversi servizi online, come Skype, Google Document, Servizi di Meeting oppure gestendo singolarmente ogni risorsa.

Solo conoscendo il proprio team riusciremo ad assegnare un lavoro appropriato alla persona corretta.

Trovare Freelancer per il proprio Team

Creare un Team di Freelancer non è per niente semplice, possiamo iniziare da amici, fratelli ma in ogni caso dovremo esplorare il web alla ricerca di persone mai conosciute e affidarci a loro.

Per trovare freelancer possiamo cercare su servizi come Freelance Connect, Guru, Link2Me, Facebook, Linkedin, Forum e siti simili.

Se sai che in futuro i tuoi clienti ti chiederanno applicazioni facebook inizia a cercare freelencer che possano darti supporto su alcune parti del progetto.

In questo modo non dovrai rifiutare il lavoro e potrai conoscere un’altra persona che a sua volta potrà proporti altre collaborazioni.

Conoscere il proprio Team

Conoscere il proprio Team ti permetterà di capire in modo efficace quali siano le principali attitudini della tua risorsa per poi assegnargli un lavoro consono.

Cerca di circondarti di persone capaci e appassionate di quello che fanno, creative e disponibili.

Non è facile instaurare un rapporto con un potenziale concorrente, ma solo provando magari con progetti semplici potrai testare la propria fiducia.

Essere onesti

Mi è capitato di essere a mia volta coinvolto in un Team improvvisato di Freelancer, informazioni poco chiare, soldi che non arrivavano mai e per la maggior parte dei casi tempo perso.

Questi piccoli errori purtroppo possono capitare a chiunche, basta saperli individuare o intercettare e prendere precauzione.

Se si vuole formare un team di lavoro dinamico, disponibile ed efficace bisogna in modo assoluto essere onesti sul budget, tempistiche e sul lavoro che dovrà ricoprire una risora.

Organizzare e Monitorare il lavoro del Team

Una volta formato il proprio Team bisogna saperlo gestire e cercare di proiettare tutte le operazioni da compiere e assegnarle alle persone del gruppo.

Il team è composto da Freelancer quindi possiamo immaginare che loro stessi possano avere anche altri lavori in ballo

Quindi bisogna cercare di far incastrare il tutto, programmando su un calendario ad esempio quello di google le operazioni che che dovranno essere eseguite.

Non esageriamo

Uno degli aspetti positivi nel creare un Team efficace di Freelancer e che una volta in pieno regime è possibile montarsi la testa e credersi invincibili.

Bisogna sapere però che la mancanza di una sola persona in un progetto può far saltare tutto, quindi io consiglio sempre di formare a seconda del progetto un Team di non più di 5/6 persone per progetti complessi.

Conclusione

 

Siate sempre aperti a collaborazioni con altri Freelance, sarà un’ottima opportunità per entrare in contatto con altri professionisti del settore e fare sinergia su progetti.

Allargate la vostra rete di collaboratori, vi permetteranno di seguire progetti più “grandi e complessi”, conoscere nuovi professionisti e collaborare in modo sinergico.

Author

Strategy Director @AQuest ~ Docente Master @NinjAcademy

14 Commenti

  1. Ottimo articolo Julius che rispecchia quello che insieme al mio team stiamo creando e le difficoltà che si possono incontrare.

    Interessanti sono le figure professionali che ricerchi anche se credo che per ciò che riguarda,Sviluppatori Applicazioni Facebook, Sviluppatori Applicazioni iPhone, Sviluppatori Silverlight, la ricerca sia davvero ardua.

    In bocca al lupo ;)

  2. Articolo molto interessante.
    Sto cercando anche io dei collaboratori per i miei blog da un pò di tempo e capisco le difficoltà che si possono incontrare nel gestire persone che non si conoscono e sono magari lontane.
    La più grossa difficoltà secondo me è valutare le competenze, nel senso che tutti sanno fare tutto e poi quando li metti alla prova, mah! Con evidente perdita di tempo e denaro.

  3. Articolo molto interessante.
    Sto cercando anche io dei collaboratori per i miei blog da un pò di tempo e capisco le difficoltà che si possono incontrare nel gestire persone che non si conoscono e sono magari lontane.
    La più grossa difficoltà secondo me è valutare le competenze, nel senso che tutti sanno fare tutto e poi quando li metti alla prova, mah! Con evidente perdita di tempo e denaro.

  4. Wow che articolo! Grazie Julius ottimi consigli come sempre!

    Sto valutando l’idea di venire al tuo workshop! Complimenti!

  5. Ciao Julius una mia collega mi ha consigliato questo blog, stai facendo un’ottimo lavoro!

    Per quanto riguarda collaborare in team come dici tu non è semplice, io ci ho messo mesi e mesi a trovare le persone giuste!

  6. Grazie per le dritte!! Sono poche i professionisti come te che capiscono la forza del team, anzi a-team :)

  7. Mamma mia quanto mi piacciono questi articoli!!! Ma tu non dovevi fare un e-book!!! Spero di esserci al tuo evento, io sono di padova!

  8. Partire da zero cercando collaboratori è molto molto difficile poichè tutti sono guru ma in pratica in pochi si rilevano adatti al loro compito. L’importante, una volta aver trovato un collaboratore in gamba ed affidabile è cercare di non perderlo per nessun motivo al mondo poichè alla fine si creano quei meccanismi autonomi di condivisione lavorativa e umana. Poi come dice un vecchio detto: sai quello che lasci ma non sai ciò che trovi.

  9. Ho una domanda che spero troverete rilevante:
    quanto la collaborazione influisce sull’efficienza del lavoro?
    Io attualmente lavoro con la mia socia e seppur pienamente soddisfatto, ho capito che come efficienza ancora abbiamo molto da imparare. Tra colloqui, scambio di opinioni e di lavori, il lavoro generale si presenta più rallentato e spezzettato del “normale”.
    Avete esperienze simili?

Commenti